mercoledì 10 settembre 2014

SILVRETTA BLOC

Terminata, alla fine del mese di agosto, l'esperienza di commentatore tecnico per RAI SPORT in occasione del Rock Master di Arco di spalla al telecronista Gianfranco Benincasa, decido, assieme all'amico Giovanni Vizzardi, di passare tre giorni di bouldering in quel del Silvretta, spettacolare comprensorio sciistico del tirolo occidentale. 


Si parte il Sabato mattina e dopo circa quattro ore di viaggio siamo già "on fire" nei primi due  settori che si trovano a quindici minuti di cammino dal parcheggio sottostante nonostante un cielo plumbeo ma che ci lascierà scalare senza grossi problemi.
Mi scaldo velocemente e in pochi tentativi vengo a capo del breve traverso di "Nivuk" 7c+/8a; di seguito  ci spostiamo nel settore "Anam Cara" reso famoso  dal difficile blocco di Bernard Zangler dove, dopo uno sfortunato tentativo flash, riesco al secondo tentativo sul bellissimo "Brirish Airways" 7c+/8a.
Chiusa la prima giornata la domenica ci vede al settore "Palm Beach" di buon ora dopo una quarantina di minuti di cammino con crash pad a carico che lascia il segno sulle gambe e sulla schiena dei protagonisti...dopo la realizzazione del 7c+ di "Zwiederwurnz" provo i movimenti di "Freerunner" con buone sensazioni ma con l'arrivo del sole preferisco lasciare il tentativo migliore per il giorno successivo.
Chiudiamo la giornata con il 7c di "2nd Skin" che Giovanni realizza di gran class...


Giovanni in action...
Lunedì siamo in "vetta "già alle dieci del mattino e dopo un breve riscaldamento Giovanni chiude i conti con lo spigolo di "Zwiederwurnz" mentre io vengo a capo al primo tentativo della giornata di "Freerunner" 8a+ che ben mi si addice vista la lunghezza del traverso finale!
Nel pomeriggio si rientra a casa con molta meno pelle sulle dita ma con un esperienza in piu', anche questa molto bella e divertente grazie anche alla simpatica e valida compagnia del Vizzo, con la voglia di ritornare vista anche la bellezza e la quiete di questi luoghi nonchè  la qualità dei blocchi che questa splendida zona propone!


Di seguito il video realizzato da Giovanni live e "by phone" .....

sabato 9 agosto 2014

CORTINA IN CRODA 2014 AND MORE..

Anche quest’anno in occasione della sesta edizione di "Cortina in Croda", sono stato protagonista di una serata questa volta dedicata alla falesia di Erto ed ai suoi personaggi piu’carismatici.



Nelle precedenti edizioni della ormai rinomata rassegna di montagna della conca Ampezzana sono salito sul palco dell’Alexander Hall in compagnia di Christian Brenna nella primissima edizione nel 2009, di una serata interamente dedicata a me due anni piu' tardi e poi, lo scorso anno nell’edizione dedicata all’alpinismo inglese, in compagnia del mito dell'arrampicata britannica ...Jerry Moffat.

..i quattro dell'ave maria..


Quest’anno entrato a tutti gli effetti a far parte dello staff di Cortina in Croda in qualità di “consulente tecnico” della manifestazione ho cercato di dare il mio apporto e la mia esperienza alle serate organizzate nel corso dell'estate.
In particolar modo nella serata dedicata allo "Zoo di Erto"  ho avuto l’immenso piacere di portare sul palco degli amici e degli arrampicatori che hanno segnato i tempi alla fine degli anni ottanta nell’arrampicata locale e nazionale ma soprattutto importanti per la mia storia di arrampicatore sportivo ed atleta.

La serata è volata via leggera ma allo stesso tempo profonda toccando temi importanti e ripercorrendo la storia di Erto e di “Sogni di Gloria” grazie alla presenza di Gerhard Horager che ho fortemente voluto in nostra compagnia in questa occasione e che ha pienamente coinvolto i quasi trecento spettatori giunti per l’occasione.
Parlando della mia scalata attuale invece la lotta è stata piu’ che altro con il maltempo e la quantità industriale di pioggia caduta negli ultimi due mesi che con tutto il resto; per fortuna che, grazie al lavoro e alla passione di Hannes Pfeifhofer, nella zona di Landro ogni anno spunta qualche nuovo settore che permette di rifugiarsi e sfogare in qualche modo la voglia di roccia!
Dopo un mese di giugno dove sono riuscito ad arrampicare un paio di giorni nella falesia di Narango ad Arco con la realizzazione dell’ 8c di “Bibita Biologica”, nel mese di luglio ho passato qualche bella giornata nell’unico settore asciutto e che permetteva di arrampicare nella zona di Landro chiamato “stube”.
La roccia non è di qualità super ma le vie dalla conformazione tipicamente dolomitica sono molto belle e divertenti molto spesso spesso atletiche.

Vista tra sole e pioggia dalla "stube" di landro
Nell’ordine sono venuto a capo in qualche tentativo dell’ 8a di “Springeder punkt” del bellissimo e concentrato 8b  “Regentanz” e dell’ 8b+ di “Hangover”.


martedì 3 giugno 2014

SET UP

Piccolo aggiornamento riguardo agli ultimi due mesi passati piu' sul lettino del fisioterapista che sulla roccia....
Purtroppo la contrattura che avevo accusato ad inizio marzo a livello della scapola e del gran dorsale sinistri, dopo alcuni lunghi mesi dedicati all'allenamento sul muro ed indoor, mi ha condizionato piu' del previsto in questo ultimo lungo periodo di pseudo-arrampicata.
..eco....
Un ecograifia effettuata ad inizio maggio ha certificato poi quello che si è rilevata una lesione muscolare di un paio di centimetri chiaramente trascurata e mal curata e che ha creato una cicatrice piuttosto brutta e molto dolorosa.
Selfie d'autore

Peccato perchè il riposo ed il poco allenamento hanno fato sì che non potessi sfruttare un periodo di ottime condizioni climatiche e di "aderenza" che valgono come l'oro dalle parti del "Laboratorio" di laggio dove avevo in mente, assistito dai compagni di sempre Icio, Vittorio e la new dal cognome "pesante" Alessandro, il mio progetto dell'anno: i 62 metri "Win for life" allungamento dell'8b/b+ di "Run for life" e che si collega alla lunga parte finale dell'8c+ di "Scarspace"....la condizione fisica per lanciarsi con coraggio in questo interminabile viaggio verticale non era adatta e così la convinzione mentale di poter dare tutto su quello che potrebbe essere il compimento massimo della mia scalata da queste parti!

L'infortunio ha avuto, se vogliamo, anche un risvolto positivo impiegando il tempo "libero" scovando e pulendo alcuni bei massi dalle parti Campo e Volpera ,vicino casa, trovando in alcuni casi belle linee e interessanti  prospettive per il prossimo futuro...salute permettendo!

Di seguito un breve video con la realizzazione lo scorso autunno di "Second floor direct" 7c+ proprio dalle parti di Campo.


martedì 15 aprile 2014

PUNTA NERA 2014 REPORT

Si è disputata dal 03 al 05 aprile 2014 la 5a edizione del “Freeride Puntanera 2014” combinata di Freeride e Bouldering intitolata allo scomparso e indimenticato scoiattolo di Cortina, Marco Da Pozzo.
La competizione si è svolta sulla “Punta Nera” del Monte Faloria per il Freeride  e nella Piazza “Angelo Dibona” di Cortina d’Ampezzo per il Bouldering.
Piazza Angelo Dibona al completo...
Per quanto mi riguarda, come per i due anni precedenti, sono stato impegnato in compagnai di Massimo Da Pozzo, Samuele Majoni e Giovanni Vizzardi, nella tracciatura dei percorsi della gara di Boulder svoltasi con modalità “raduno” per le qualificazioni e con una finale riservata ai primi dieci uomini e alle prime cinque donne prevista la sera stessa.
Finalmente dopo due anni dal meteo inclemente per l’edizione 2014 abbiamo avuto due belle giornate di sole e temperature miti cosi che la manifestazione in Piazza “Angelo Dibona” è stata seguita da un numerosissimo pubblico che ha affollato la Piazza per l’intera gornata di gare.
Tracciatura....
Le qualifiche disputate in due turni di un ora e mezza ciascuno, si sono svolte nella tarda mattina di Venerdì con una buona partecipazione di Riders e Boulderisti che si sono sfidati sui 22 blocchi proposti; nel pomeriggio si è disputata la competizione dedicata ai piu’ piccoli di età compresa dai 7 ai 14 anni che hanno potuto provare l’arrampicata sulla parte attrezzata appositamente per loro e gareggiare oltre che per la prova di bouldering anche per la combinata con il freeride che aevano appena disputato sulle nevi del Monte Faloria.
Quest’ultima è stata la vera novità del "Punta Nera 2014" voluta fortemente dal sottoscritto e dallo Staff organizzativo della manifestazione per promuovere tra i piu’ giovani le discipline dell’arrampicata e dello sci con una risposta di entusiasmo e partecipazione che è stata  veramente bella ed  impressionante.
Prima delle finali l’intrattenimento e lo spettacolo è stato garantito dalla slakline posizionata sopra la struttura d’arrampicata e che attraversava l’intera piazza centrale di Cortina dove i funamboli della specialità hanno dato prova dello loro capacità di coraggio e acrobazia; gran finale con i due blocchi appositamente preparati dal sottoscritto per gli uomini e quello, un'po' piu' lungo ed ad opera di Massimo Da Pozzo, per le donne.
La vittoria finale che permetteva di  portare a casa il trofeo messo in palio dagli organizzatori è andata a Diego Corte Pause unico capace di chiudere il secondo blocco che avevo proposto ai primi cinque uomini qualificati con gran dimostrazione di forza, determinazione e grinta! Tra le femminucce vittoria per un eroica Monica Pendini che porta a casa meritattamente il primo posto dopo una brutta distorsione alla caviglia rimediata nelle qualifiche del mattino.
Foto Cristian Bigontina
Premiazioni e festa finale fino a notte inoltrata con appuntamento, per il giorno successivo, sulla Punta Nera il per il gran finale del Freeride dove Ruggero Zardini "Ruggi"  al terzo tentativo... si aggiudica di "gran class" il trofeo finale della combinata ....Chapeau!

link: freeridepuntanera.com


...video by Manaz production per Benvenuti a Cortina...


                        



venerdì 21 marzo 2014

TENTATIVI DI RI...PARTENZA!

Dopo un inverno in cui l’allenamento principale è stato spalare quantità industriali di neve caduta in maniera impressionante, quasi sei metri complessivi dal Natale 2013, in tutte le zone del cadorino e del bellunese, provo lentamente a riprendere il contatto con la roccia ormai abbandonato da piu’ di tre mesi…
Chironico
Cerco dunque di scrollarmi di dosso il torpore invernale invogliato anche da un clima fattosi improvvisamente primaverile e, visto che le falesie in zone sono ancora impraticabili, decido di dedicarmi per qualche giornata al boulder.
C'è da spostare una macchina...
Prima uscita in compagnia di Virgilio Plumari dalle parti di Gais, vicino a Brunico, dovo in poco piu’ di mezzora porto a casa l’intenso 8a di “Alien vs. Predator”.
Seconda uscita questa volta con il boulderista d’eccezione Diego Corte Pause e al neo boulderista Bruno Sartorelli è in quel di Chironico in Svizzera visitato in precedenza per la prima volta due anni or sono.
Mi dedico all'inizio a qualche bel blocco facile e realizzato per puro divertimento prima di chiudere velocemente l’8a di “Teamwork”.
Tento poi senza successo, anche a causa di una precoce e repentina devastazione della pelle delle dita, l’ 8a di “Le Pilier”…
After the first day...
Rientro a casa e nonostante una dolorosa e fastidiosa contrattura al dorsale e alla spalla sinistra che limitano non poco la mia scalata, torno in quel di Gais per una seduta pomeridiana sempre in compagnia di Diego; entrambi veniamo a capo dopo un’po’ di calci e pugni del bel spigolo di “Kill Bill” 8a.
Ri….partenza effettuata dunque sperando nel meteo e in una buona condizione fisica soprattutto, cercando di poter scalare con maggiore continuità visto che le porte di Laggio si stanno per aprire…..





martedì 31 dicembre 2013

GOODBYE 2013!


Dopo il ritorno dalla Spagna il 10 dicembre, riesco a concedermi ancora due giornate di scalata prima di salutare il 2013.
La  prima giornata scendo a ancora una volta a Misija Pec, con  partenza alle 07:00 del mattino da casa per provare l'8c di "Corrida".
La via corre a sinistra e  parallelamente ad "Histerija" e si compone di due tratti  intensi, uno subito dopo la catena di "Rodeo", prima parte della via, ed il secondo nella parte finale con dei bei passaggi su tacche e canne.
Avevo guardato la via molto velocemente il giorno della realizzazione di "Histerija" mentre mercoledì 18 dicembre riesco a chiudere la via dopo soli tre tentativi.
La seconda giornata la dedico invece al boulder nella zona di Lagundo. 
Partenza di buon ora anche questa volta con l'intento di provare qualche bel blocco e sfruttare il bel periodo meteo prima della prevista " Tempesta di Natale".... dopo un veloce riscaldamento riesco subito nel 7c/7c+ di "Jump" passaggio molto breve ed intenso su piccole tacche; mi piazzo poi sull' 8a di "Pizza beer and 230 hp" ma causa una sopraggiunta contrattura alla schiena che non mi permette di arrampicare in strapiombo devo ripiegare dirigendomi nella zona del "Konrad".
L'intenzione è quella di riprovare l' 8a di "Its too late to Apologize" e le sensazioni sono subito molto buone,  essendo in completa solitudine pero'  non sono molto tranquillo nell'affrontare l'uscita che non conosco ed un po' esposta......fortuna vuole che l'arrivo di tre simpatici  ragazzi "feltrini" impegnati nel vicino spigolo di "skyliner" mi concedono una parata ed un crash pad di rinforzo per chiudere i conti con questo bellissimo passaggio!
Goodbye 2013...allora!
Lagundo

giovedì 12 dicembre 2013

CATALUNYA

Oliana...foto Andrea Polo
Si parte, era dallo scorso mese di febbraio, al rientro proprio dalla falesia di Oliana, che assieme ai compagni di merende del "laboratorio" di Laggio, si programmava la possibilità di andare in Spagna per dieci giorni all'inizio del mese di dicembre...detto, fatto!
tentando "Blanquita" . foto Andrea Polo
Il gruppo è molto eterogeneo e l'età media purtroppo un'po' altina...ma l'entusiasmo per tutti è quello di cinque ragazzini in gita di fine corso.
Siamo il sottoscritto, Icio dall'Omo, Daniele "deca" De Candido, Massimo "Mox" Da pozzo e  alias il  doctor Gnerro; la meta è la falesia di Oliana.


Alloggiamo nel vicino paesino di Organya ed i primi giorni di scalata sono piuttosto freddi e ventosi.
Nel frattempo ci raggiungono nell'ordine: Andrea Polo, in viaggio ormai da un paio di mesi con il suo camper e con all'orizzonte un bel periodo di sola e meritata scalata; Gabriele Gorobey "sbisi", anche lui in viaggio premio in quel della Spagna e per tre giorni Giulio Bertola ormai spagnolo d'adozione per gli impegni di dottorato.
L'oscar della sfortuna purtroppo va a Daniele che al secondo giorno di arrampicata si infortuna abbastanza seriamente al bicipite sinistro il che non gli permetterà più di scalare fino alla fine della vacanza!
Le giornate passano veloci ed il divertimento è assicurato, si approfitta per fare delle foto per scambiare battute ed opinioni, nei giorni di recupero si cammina e si visitano nuovi falesie come l'imponente e spettacolare muro del "Galliner" nei pressi di Perles .
Con il passare del tempo il clima si fa piu' gradevole e l'arrampicata sempre piu' fluida, per quanto mi riguarda decido di passare questi dieci giorni scalando in relax su vie diverse senza dedicarmi per l'intera vacanza ad un tiro specifico.
Ne escono così una bella serie di 8b+ saliti velocemente e con gran divertimento: "El Gran Blau", il super classico "Los Humildes pa casa""China Crisis" a Oliana , mentre nella bella falesia di Perles il tiro "five star" della vacanza "Sin Perdon"  stupendo 8b+ che condivide la prima difficile e fisica parte della via con il 9a di "Escalatamaster" splendido e spettacolare tiro di 35 metri che entra nel mirino personale dei sogni che potrebbe diventare ...realtà...chissà!! 
Chiudo la vacanza con la bella on sight di "Mon Dieu" 8a+ ad Oliana.
"Los Humildes pa Casa" ..foto Andrea Polo

Alberto (Gnerro) si dedica invece alle vie estreme provando l'8c+ di "Blanquita" ed il 9a di "Escalatamaster" scalando entrambe con il consueto dominio e rimandando a febbraio la chiusura dei conti...Icio arrampica e si diverte come un bambino provando un'po' tutto; Mox tira fuori la grinta del vero alpinista chiudendo un paio di bellissimi 8a, Daniele, nonostante l'infotunio, porta comunque a casa un 8a ed un 8a+ i primi giorni ad Oliana.
Si torna a casa con un ricordo splendido dei luoghi, delle scalate e della compagnia: la serenità e la calma di Daniele, l'ironia e la simpatia di Icio, la cucina del Mox e la forza del doctor Gnerro; si pensa già di tornare magari per un'altra settimana nella prossima primavera , vedremo...anche perchè soltanto così i sogni possono diventare realtà!
..il gruppo al completo...manca il Polo che fa la foto...